Navigation
/ / George Hodgman - Io e Betty (repost)

George Hodgman - Io e Betty (repost)

George Hodgman - Io e Betty
Italian | Bollati Boringhieri | 2016 | Pages 580 | ASIN: B01CQZFB0A | EPUB | 3 MB
È l’estate più calda da decenni, soprattutto nel Midwest, ma George decide comunque di tornare a Paris, Missouri, per festeggiare il novantunesimo compleanno della madre. Betty è malata, di un cancro che si fa strada molto lentamente, ma preferirebbe morire che chiedere aiuto o assistenza, soprattutto al figlio.
È proprio per questo, verificato l’inesorabile declino della vecchia signora nonché delle piante in giardino, che l’autore – cinquantenne editor di «Vanity Fair» e newyorchese convinto – decide di restare e prendersi cura di lei. Impresa non facile. George ricorda una giovane donna bionda, bella, sempre al volante della sua Impala, grande giocatrice di bridge, pianista eccellente, e vede ora una vecchia signora in ovvia sofferenza, fragile, ma ben decisa a fare le cose a modo suo, dalle sedute dal parrucchiere alla cura dell’obsoleto arredamento di casa.
La comunicazione tra i due, spesso spassosa, sempre originale, è però resa difficile da qualcosa che non è mai stato detto: il silenzio sull’omosessualità del figlio, imposto dal padre, e necessario nella piccola comunità dell’America rurale, non ha però intaccato la corrente emotiva che passa tra madre e figlio. Finalmente liberi di amarsi e scontrarsi, grazie anche alla mancanza di inibizione di Betty, dovuta forse all’età, forse a un inconscio processo di riflessione.
Nitroflare

Tusfiles

George Hodgman - Io e Betty (repost)

Related books

Roberto Calasso – L’Ardore

Hans Tuzzi - Il sesto Faraone